Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

Modica



Categoria: Città, Le vie del Cinema
City: RagusaModica
Location:Corso Umberto I

Descrizione

Città di origini neolitiche, Modica ha rivestito nei secoli passati una grandissima importanza nel territorio che oggi corrisponde alla provincia di Ragusa. Fino al XIX secolo è stata capitale di una Contea che ha esercitato una vasta influenza politica, economica e culturale in tutta la Sicilia, tanto da essere stata annoverata tra i feudi più potenti del mezzogiorno.
Il suo centro storico, ricostruito a seguito del devastante terremoto del 1693, costituisce uno degli esempi più significativi di architettura tardo barocca e per i suoi capolavori la città è stata inclusa nel 2002, insieme con il Val di Noto, nella lista dei Patrimoni dell'Umanità dell'UNESCO.
Modica deve la sua particolare configurazione urbana alla conformazione del territorio sul quale sorge. Adagiata sui fianchi di due vallate e sui pianori delle colline sovrastanti, è un intrigo di casette, viuzze e lunghe scale. Molte abitazioni della parte vecchia della città, addossate le une sulle altre, sono spesso l'estensione delle antiche grotte, abitate fin dall'epoca preistorica. La testimonianza della sovrapposizione urbana del moderno centro abitato all' antico villaggio preistorico è la della necropoli del Quartiriccio, visibile nel quartiere Vignazza, con alcune decine di tombe a forno scavate nella roccia, risalenti al 2200 a.C.
Nel mezzo del centro storico, sullo sperone della collina del Pizzo, è ancor oggi visibile il Castello dei Conti, un tempo sede del comando del territorio modicano.
Modica vanta un ricco repertorio di specialità gastronomiche, risultato della contaminazione delle diverse culture che l'hanno dominata; è nota soprattutto per la produzione del tipico cioccolato di derivazione azteca.

Modica è stata set nel 1948 del film Anni Difficili con la regia di Luigi Zampa.
Film liberamente ispirato al racconto “il vecchio con gli stivali” di Vitaliano Brancati, segue la travagliata vicenda di un piccolo impiegato costretto durante il ventennio fascista ad iscriversi al partito; a Liberazione avvenuta perderà il posto proprio a causa di quella tessera, mentre attorno a lui sarà il trionfo dei “camaleonti”, pronti ad inserirsi nel nuovo contesto politico nazionale.

Guarda le foto