Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

Buccheri



Categoria: Città
City: SiracusaBuccheri
Location:Centro città

Descrizione

Il territorio dove sorge l'odierna Buccheri ha visto alternarsi lungo le pendici del monte Lauro svariate popolazioni: Siculi, Romani, Bizantini e Arabi.
Furono però i Normanni a creare il primo vero insediamento urbano con la fondazione del Castello sul colle e la conseguente aggregazione demografica che questo portò nel territorio.
Il castello, di cui è possibile ammirare tutt'oggi importanti resti, presentava due torrioni a difesa dell'ingresso principale e una mastio centrale.
Il primo nucleo del paese, costituito dalle case sorte attorno al Castello, coincide più o meno con gli attuali quartieri della Badia e del Casale.
Nel corso del XVI e XVII secolo il paese crebbe lungo il pendio a sud del Castello fino al 1693 quando il terremoto lo distrusse quasi totalmente.
Buccheri fu ricostruita nello stesso territorio, ma in una posizione più bassa del crinale e più vicina al fondovalle.
Oggi le principali attrazioni della città sono rappresentate dalla chiesa di Sant' Antonio che, dall' alto dell' omonima scalinata, domina tutto il paese.
Al suo interno le tre navate in cui è suddivisa sono adornate da quadri di Guglielmo Borremans risalenti ai primi decenni del 1700; dalla chiesa Madre intitolata a Sant' Ambrogio, dalla facciata incompleta e che conserva al suo interno un pregiato crocifisso ligneo del XVI secolo e la grotta di S. Nicola, una chiesa cristiana scavata nella roccia di fondazione antichissima.
Sull'altipiano del monte Lauro, che sovrasta il paese, sono ancora visibili le molte neviere, attive fino ai primi decenni di questo secolo ed i numerosi rifugi di pastori: tracce appariscenti dell'antica civiltà agropastorale iblea.
A questa vocazione pastorale del territorio è dovuto probabilmente anche il noma della città che, seppur incerto, potrebbe derivare dalla parola araba "buqūr", vacche, fatto che farebbe propendere verso il significato di "vaccheria" e quindi di "luogo destinato al pascolo dei bovini".
Anche le altre ipotesi meno accreditate fanno comunque tutte riferimento all' allevamneto: potrebbe derivare dalla combinazione delle parole greche βοῦς (boûs) e Ἥρα (Hḗrā), indicando questo luogo come quello in cui pascolavano le vacche sacer della dea Hera, oppure dalla parola siciliana "bucceri", pronunciata vucceri, ovvero macellai, derivante dal normanno bouchier.

Guarda le foto