Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

Chiesa di San Sebastiano



Categoria: Arte e Cultura, Le vie del Cinema
City: SiracusaPalazzolo Acreide
Location:Piazza del Popolo

Descrizione

Chiesa di San Sebastiano

La prima edificazione della chiesa di San Sebastiano risale alla seconda metà del 1400, periodo che vide nella zona svariate epidemie di peste.
Sorta probabilmente in prossimità, se non addirittura al posto, di una chiesa dedicata a San Rocco, intercessore invocato dagli appestati, presto il nuovo culto superò di molto quello precedente, determinando l' intronizzazione di San Sebastiano come martire invocato per la prevenzione dei contagi infettivi.
La piccola chiesa originaria, ad una singola navata, venne via via ampliata già a partire dal XVI per soddisfare le esigenze di un' affluenza di fedeli sempre crescente sebbene la struttura che vediamo oggi sia frutto dell' ultima riedificazione, quella del 1723, che si rese necessaria dopo il terremoto che colpì il Val di Noto nel 1693.
La nuova cattedrale era molto più grande, monumentale e ricca di fregi e decori rispetto alla precedente: tre grandi affreschi ottocenteschi ornano tutt'ora la volta nella navata centrale, pregevoli stucchi abbelliscono l’architettura interna, tutti gli altari sono di pregiati marmi e tutti hanno bei quadri o statue di santi.
La monumentale scalinata che permette l'accesso alla chiesa è un opera del 1877 e si è resa necessaria a seguito dell' abbassamento a fini urbanistici del piano stradale antistante la chiesa. Questo intervento architettonico ha donato alla facciata tardo-barocca della chiesa un impatto scenografico che prima non aveva e che è apprezzabile durante i festeggiamenti in onore di San Sebastiano al momento della "Sciuta", ovvero dell' uscita del simulacro del Santo dai portali della chiesa.

La connotazione barocca dell'edificio, la scenografica scalinata e l'intera prospettiva della piazza hanno ispirato e costituito ambientazione cinematografica per i seguenti film:

La fame e la sete di Antonio Albanese,
Gente di rispetto di Luigi Zampa,
Nati stanchi con Ficarra e Picone,
La Piovra 8,
Cavalleria Rusticana di Franco Zeffirelli,
Colpo di luna di Alberto Simone.

Guarda le foto